Prevalenza tra difformità preliminare e rogito

La cassazione: vale quanto scritto nel contratto definitivo


modificato il 11/09/2018 15:02

Quando si acquista una casa si firma prima il compromesso (contratto preliminare) e poi il rogito (contratto definitivo). Ma cosa succede se c’è difformità tra i due documenti? Quale contratto è prevalente? Lo ha spiegato la Cassazione con la sentenza n. 6223/2018.

Prevalenza contratto definitivo sul preliminare

La Cassazione ha stabilito che quando vi è diversità tra il contenuto del contratto preliminare e il contenuto del contratto definitivo vale quanto scritto nel contratto definitivo. Di conseguenza, quanto diversamente pattuito in quello preliminare non ha alcun valore. Tra compromesso e rogito prevale quest’ultimo, salvo la presenza di qualche clausola contrattuale che disponga sulla prevalenza di un testo sull’altro.

Gli ultimi articoli pubblicati

11/10/2018 16:14
Perché un ponte crolla: quando è la cattiva gestione a ostacolare l'ingegneria
pubblicato da IDEALISTA

19/09/2018 12:27
Cessione proprietà immobiliare a ridosso della cartella del Fisco, è frode
Una recente sentenza lo stabilisce.

11/09/2018 16:02
Il contratto di affitto
Il deposito cauzionale e la caparra nel contratto di affitto

26/06/2018 17:01
Affitti, la cedolare secca
Che cosa è e come funziona.

05/06/2018 17:35
Prezzi case: stabili a maggio,meno tre e cinque percento in un anno
Liguria più cara, la Calabria più economica.

23/05/2018 10:19
Agenti immobiliari, approvate le linee guida che regolamentano la professione
Le competenze di un buon Agente Immobiliare.