Prevalenza tra difformità preliminare e rogito

La cassazione: vale quanto scritto nel contratto definitivo


Quando si acquista una casa si firma prima il compromesso (contratto preliminare) e poi il rogito (contratto definitivo). Ma cosa succede se c’è difformità tra i due documenti? Quale contratto è prevalente? Lo ha spiegato la Cassazione con la sentenza n. 6223/2018.

Prevalenza contratto definitivo sul preliminare

La Cassazione ha stabilito che quando vi è diversità tra il contenuto del contratto preliminare e il contenuto del contratto definitivo vale quanto scritto nel contratto definitivo. Di conseguenza, quanto diversamente pattuito in quello preliminare non ha alcun valore. Tra compromesso e rogito prevale quest’ultimo, salvo la presenza di qualche clausola contrattuale che disponga sulla prevalenza di un testo sull’altro.

pubblicato da Immobiliare Simonetti S.a.s. | modificato il 11/09/2018 15:02

Gli ultimi articoli pubblicati

01/03/2019 16:34
Proroga comunicazione spese ristrutturazione condominio 2019
L’Agenzia delle Entrate ha spostato il termine al prossimo 8 marzo.

01/03/2019 11:47
Reddito di cittadinanza
Pubblicato da Idealista

11/02/2019 11:57
Servizi che una agenzia immobiliare deve fare
L'attestazione di conformità, questo sconosciuto

05/02/2019 11:07
IMU per case contigue
La Corte di Cassazione dà ragione agli Enti Locali

15/01/2019 17:33
Dal 2019 cedolare secca anche per locazioni commerciali
Scopri le regole per poterne fruire

14/01/2019 18:14
La TARI a chi spetta pagare?
PUBBLICATO DA IDELISTA